Caricamento
Curiosità
fragole

Decidere di consumare frutta e verdura di stagione in primavera significa godere di una possibilità di scelta molto ampia. A dispetto della stagionalità che governa la naturale produzione di frutta, si trova sui banchi alimentari proprio di tutto.

E così insistiamo nel consumare fragole a Natale e asparagi in pieno agosto, uva in inverno e mirtilli in piena estate.

Tutto il contrario di ciò che accade in natura insomma.

La frutta di stagione in primavera costa meno, perché le piante non sono “costrette” a crescere a tutti i costi e con tutti i mezzi in periodi diversi dalla loro normale stagione.

Gli alberi non risultano indeboliti e sono più difficilmente preda di insetti indesiderati, quindi, meno o per nulla sottoposti all’azione di pesticidi.

Le piante che seguono il loro normale ciclo di produzione prosperano di frutta ricca di nutrienti e di principi attivi.

La frutta di stagione in primavera è più gustosa, profumata e aromatica.

Non resta dunque che orientarci nella scelta di questa partendo dalle proprietà nutritive e dagli impieghi a cui può essere destinata in cucina e, perché no, anche, più in generale, in casa.

 

Frutta primaverile: quale scegliere

Maggio è il mese delle albicocche, golosi e dolci frutti di stagione primaverili che ci accompagnano fino a tutta l'estate. 

Esse rappresentano una fonte preziosissima di sali minerali e possono essere considerate davvero irrinunciabili per due caratteristiche fondamentali: prima di tutto per il grande apporto di calcio, per il quale sono consigliate a donne menopausa, in gravidanza e in fase di allattamento, ai bambini in fase di crescita. Poi, sono estremamente ricchi di boro, sostanza questa che favorisce l'assorbimento e la fissazione del calcio.

Gli amanti della frutta di stagione in primavera non potranno dimenticare le ciliegie ricchissime di antiossidanti che, per il loro contribuire a neutralizzare le azioni negative dei radicali liberi, sono suggerite dai nutrizionisti per la prevenzione di patologie tumorali.

In questo periodo dell'anno iniziano a fare capolino le fragole, i frutti primaverili più amati dai bambini, vera e propria miniera di vitamina C, irrinunciabili per la preparazione di una delle torte più amate: quella fatta con fragole e panna.

Succose e piene di gusto molto più di quelle che si scorgono sui banchi alimentari anche in pieno inverno, le fragole che iniziano a colorare i campi a partire dalla primavera mantengono le loro qualità naturali completamente intatte.

Non meravigliamoci di non avvertire alcun sapore nel mangiare una macedonia di fragole a dicembre: se non sottoposte ai raggi solari - cosa che di certo può aver luogo in natura in maniera continuativa e più intensa solo da primavera in estate - le fragole, in particolare, forse più di altri tipi frutta, non possono garantire le loro meravigliose caratteristiche organolettiche.

Un gran peccato, trattandosi di uno dei tipi di frutta più golosi e profumati.

Non tutti sanno che è possibile congelare le fragole per avere questo frutto primaverile già bella e pronta per l’uso anche durante l’inverno.

Bastano pochi accorgimenti: in primis è bene scegliere fragole né troppo dure, né troppo morbide non scolorite, non macchiate e non ammuffite, provvedendo a lavarle e asciugarle bene, riponendole in contenitori ermetici e buste di plastica, sigillandole per bene, in modo da evitare che il freddo rovini le fragole mantenendole fresche.

A piacere è preferibile tagliarle a pezzetti piccoli, grandi in modo da ridurre i tempi di congelamento e di scongelamento all’atto di destinarli alle preparazioni desiderate durante il resto dell’anno.

È proprio vero, la natura ci dà tutto quello che ci serve in base alla stagione.

Ne sono testimonianza i limoni, insospettabile frutto di stagione primaverile che, nel periodo di marzo, fanno la loro allegra comparsa sugli alberi costellando di un bellissimo e vivace colore giallo intenso tutto l’albero. Il limone è prima di tutto un ottimo drenante, è, ancora, un ottimo diuretico e aiuta molto nella fase digestiva, oltre ad esser ricchissimo di vitamina C.

Con il suo sapore intenso e agrumato è utilizzato un po’ ovunque, ma le preparazioni in cui non può mancare sono davvero tante. Pensiamo ad una golosa granita di limone nelle giornate più calde, ad esempio.

Il limone è un prodotto che troviamo al supermercato in tutti i periodi dell'anno, tuttavia, seguendo la stagionalità con la quale gli alberi producono frutta, è proprio in primavera che questi arrivano a toccare la loro piena maturazione.

 

Frutta primaverile: qualche ricetta originale e insolita

Vogliamo mettere un attimo da parte la classica macedonia, indiscussa miniera di vitamine e di sali minerali, per scoprire il lato salato della frutta di stagione primaverile per creare qualcosa di più insolito che catturi l’attenzione dei nostri bambini ma anche di ospiti e commensali?

Per farlo, cerchiamo, ad esempio, un abbinamento tra carote, utili alleate per preparare la pelle all’esposizione dei primi raggi solari e frutta di stagione primaverile, ad esempio, fragole e ciliegie.

Aggiungiamo olio, sale succo di limone ed ecco, è questa la ricetta base di una golosissima e nutriente insalata di frutta straordinariamente unica ed originale.

È possibile personalizzare questa insalata con la frutta di stagione che si preferisce o, ancora, la si può trasformare in un meraviglioso piatto unico aggiungendo, ad esempio, pezzetti di pollo cotto e crostini.

Per gli irriducibili dell’originalità in cucina, ecco un’altra fantastica idea, sui generis come poche a tavola sanno esserlo: gli spiedini di ciliegie, fragole e mele tagliate a fettine e pezzetti e cosparse con succo di limone, zenzero e cannella. 

Chi intenda stupire gli ospiti con della frutta di stagione primaverile, in coppe al 100% naturali, troverà davvero originali i meloni ripieni di albicocche, mele, ciliegie, fragole e ananas.

Si tratta di cestini bellissimi anche dal punto di vista cromatico, di grande gradevolezza estetica, preparati tagliando in due parti il melone.

Per ricavare queste coppe smerlate dalle due metà dei meloni, è necessario svuotarle, e, con l’aiuto di un coltello dalla lama affilata, si può procedere con il ricavarne dei bordi “a onde” dall’effetto molto carino. Ovviamente, questa preparazione a base di melone la si può personalizzare, conferendo un aspetto più simpatico o serio a seconda dei destinatari e in base alle occasioni in cui sarà destinata ad essere servita.

Nel periodo di Pasqua, ad esempio, sarà possibile aggiungervi qualche fiocchetto o qualche piccolo pulcino. La frutta di stagione in primavera non è solo estremamente golosa e colorata, ma anche versatile e, come si vede, se ne può fare ingrediente perfetto per ricette fantastiche, ideali anche per far consumare la frutta ai bambini.

 

Frutta primaverile: alcuni validi impieghi “alternativi”

Sapevate che la frutta di stagione tipica della primavera può aiutarci a mantenere pulita e profumata la nostra casa? Pochi potrebbero mai immaginare che, una fetta di limone collocata nel frigorifero, è di per sé in grado di neutralizzare i cattivi odori.

Ma non è finita qui: basta aggiungere qualche goccia di limone su un panno in microfibra umido per sgrassare e lucidare tutte le superfici interne ed esterne del frigorifero e del forno.

Come se non bastasse, il riciclo creativo ci offre un altro suggerimento: se è vero - come è vero - che una ciliegia tira l'altra è altrettanto vero che potremmo collezionare un bel po’ di noccioli.

Che farcene? Presto detto: possiamo sperimentare alcune idee anti-spreco molto interessanti realizzate con frutta di stagione primaverile addirittura sfruttando al meglio anche i noccioli delle ciliegie.

Ad esempio, possiamo prevenire/lenire torcicollo e cervicale con i noccioli di ciliegia da destinare alla realizzazione rigorosamente a mano degli utili cuscinetti antidolore.

Quello che ci occorre è del tessuto naturale, come il lino o il cotone ad esempio, e poi, appunto, tanti noccioli di ciliegia da inserire in un sacchetto ricavato con la stoffa.

Questo cuscino pensato per contrastare il dolore alla cervicale, può essere riscaldato e collocato sul collo ad esempio, per un momento di relax e benessere tutto bio.

Ecco poi un'idea must have pensata per chi ama realizzare in casa i liquori: un delizioso liquore alla ciliegia, per preparare il quale servono solamente zucchero, i noccioli di 2 kg di ciliegie e alcol alimentare a 90°.

A piacere è possibile aggiungere scorza di un limone non trattato.  

Ecco quindi come la frutta di stagione in primavera possa essere goduta e sfruttata al massimo senza gettare proprio nulla. In questo nostro tempo sempre più consacrato allo spreco riciclare è davvero un toccasana per noi e per l’ambiente.

 

Una ragione “ambientale” per preferire frutta di stagione in primavera …

Ci sono altre ragioni che militano a favore della scelta di consumare frutta di stagione primaverile che vanno ben oltre la voglia di assaporare qualcosa di davvero buono, goloso e genuino.

La frutta che non è di stagione ha, infatti, un costo ambientale incalcolabile.

Scegliere la frutta di stagione in primavera significa scegliere di non far crescere alberi da frutta chiamati a produrre fuori stagione in grandi serre riscaldate e illuminate che richiedono molta energia.

Scegliere frutta della stagione significa, ancora, evitare fertilizzanti e pesticidi di ogni genere, significa risparmiare anidride carbonica che si va ad aggiungere a quella già presente in atmosfera, incrementando l’effetto serra a ulteriore danno della salute di tutto il globo.

Per non parlare poi dell’impronta ecologica disastrosa correlata ai commerci concepiti per favorire l’ingresso di frutta dall’estero.

Solo per fare un esempio: 1 kg di ciliegie dal Cile percorre 12 mila chilometri, arrivando per l’effetto a consumare circa 8 kg di petrolio (per una produzione di ben 21 kg di CO2).

Scegliere di consumare, ad esempio, fragole fuori stagione, significa acquistare prodotti provenienti nel 90% dei casi dalla Cina, leader mondiale nella produzione di fragole.

Si tratta solo di un paio di esempi, l’elenco potrebbe essere molto più lungo.

Preferire la frutta di stagione in primavera significa fare una scelta intelligente dunque su più fronti, a cui dovremmo tenere fede rinunciando sicuramente a qualcosa che, però, a ben vedere, trova un facile corrispondente in primavera.

Invece di preparare per forza la torta di panna e fragole in inverno, puntiamo sulla preparazione di una golosa torta di mele o, se destinata ai più piccini, su una bella torta panna e frutti di bosco.

 

Scegliere di mangiare frutta e verdura di stagione in primavera significa, in conclusione, pensare alla nostra salute e avere, al tempo stesso, più rispetto nei confronti della nostra Terra.

Categorie

Articoli recenti

Archivio